Ventose per il vuoto

Le ventose per il vuoto sono strumenti che aderiscono ad una superficie quando al loro interno viene creata una depressione. Esse rimangono attaccate in modo permanente alla superficie fino al mantenimento della condizione. Le ventose per il vuoto sono utilizzate pertanto in ambito industriale per il sollevamento di oggetti di varia natura. Sono infatti utilizzate durante la lavorazione o in fase di imballaggio. Anche nel campo della robotica possono venir usate per manipolare oggetti dalla superficie liscia. In questi casi la depressione viene creata con pompe per il vuoto, turbine o eiettori.

 

 

Ogni applicazione è attentamente studiata in funzione della forza necessaria per eseguire l’attività, della superficie sulla quale agire. La forza con cui la ventosa aderisce alla superficie dipende dalla differenza fra la pressione interna e quella atmosferica e dalla superficie della ventosa. Una superficie perfettamente liscia, ad esempio, consente un’ottima presa, mentre una superficie porosa richiederà una ventosa di un materiale più morbido che meglio si adatterà alla superficie ed un maggior grado di vuoto. Il diametro della ventosa, infine, rappresenta la superficie sulla quale agisce la presa: maggiore sarà, maggiore sarà la forza applicata.

E’ inoltre molto importante valutare tutte le sicurezze che possono essere messe in atto: come già detto le ventose funzionano per depressione, ma cosa succede se viene a meno la fonte crea depressione ossia se la pompa per il vuoto smette di funzionare? Nello studio dell’applicazione è necessario tenere in considerazione anche questo fattore ed utilizzare componenti che evitino il rilascio improvviso dell’oggetto.

Un altro fattore da non sottovalutare per garantire una produttività ottimale sono i tempi. Un tempo ridotto di svuotamento della camera interna della ventosa significa maggiori cicli nell’arco di un giorno e maggiore produttività.

Tipologie di ventose disponibili

La serie di ventose prodotte da SMC offrono un’ampia gamma di scelta. I 4 design, piana, piana con nervature, conica e a soffietto, sono standard. Tuttavia è possibile sviluppare design e forme personalizzate in un’ampia gamma di materiali diversi.
Esistono accessori per creare ventose snodate, ventose idonee per impieghi gravosi, ventose ovali. E’ possibile avere ventose con eiettori integrati.

Esistono ventose così dette “senza contatto”. Queste ventose sono è in grado di trasferire una vasta gamma di pezzi con contatto minimo. Con due differenti principi di funzionamento, a vortice e a principio di Bernoulli, la serie XT661, infatti è disponibile in una gamma di taglie da Ø20 a 150. Il tipo a vortice compatto e leggero è economico da utilizzare e presenta un’elevata forza di sollevamento, oltre ad un basso consumo d’aria. Il tipo a principio di Bernoulli riduce al minimo le vibrazioni durante la fase di presa e l’attacco multiplo standardizzato consente il facile rilevamento della presa dei pezzi. Priva di grasso, la serie XT661 è facile da montare, installare e riparare ed è adatta per una vasta gamma di applicazioni che richiedono una movimentazione delicata.
 
Per avere una panoramica ancora più completa potete collegarvi al link cliccando qui relativa alla sezione prodotti del sito SMC.

Automation group ed SMC mettono a disposizione un vero e proprio team tecnico di esperti per valutare al meglio tutte le forze che intervengono e le sicurezze che si rendono necessarie. 

Marchi trattati

  • AS Automation rivenditore aria compressa SMC